Normativa e prassi

8 Giugno 2021

Cessione/rimborso punti da App fedeltà, operazioni rilevanti ai fini Iva

Con la risposta n. 392 del 7 giugno 2021, l’Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti sul corretto trattamento Iva da applicare alla cessione dei punti riconosciuti agli utenti che fanno acquisti online tramite una App realizzata dalla società istante.

Il circuito creato dall’istante con l’apposita piattaforma, nel dettaglio, prevede:

  • un contratto di abbonamento alla App fra “esercente” e “società istante” con cui il primo acquista dalla seconda dei punti al valore di 5 centesimi a punto
  • l’impegno dell’esercente a riconoscere ai clienti persone fisiche, per ogni acquisto di beni o servizi, n. l punto per ogni euro speso
  • l’utilizzo per gli utenti della App dei punti accumulati per ottenere uno sconto su beni e servizi acquistati presso gli esercenti che accettano questa forma di pagamento
  • il ritiro dei punti dal wallet digitale del cliente da parte dell’esercente che ha concesso lo sconto e la loro restituzione alla società istante che gli rimborserà il 50% del loro valore nominale, in genere tramite compensazione degli importi dovuti.

L’istante quindi chiede dei chiarimenti sull’Iva da applicare alla cessione dei punti relativa al primo (cessione punti) e al quarto (restituzione dei punti) passaggio sopra descritti.

L’Agenzia, considerando che con la sottoscrizione dell’abbonamento, quindi, ogni esercente si obbliga ad assegnare punti agli utenti della App e ad acquistare tali punti presso la società istante che, secondo quanto da lei precisato, rappresentano parte integrante del corrispettivo che riceve dagli esercizi commerciali ad essa affiliati, ritiene che l’acquisto dei punti sia per gli esercenti un vero e proprio corrispettivo dovuto alla società per l’affiliazione alla App e di conseguenza debba essere assoggettato ad aliquota Iva ordinaria.

Lo stesso discorso vale per il rimborso del 50% del valore nominale dei punti, corrisposto dall’istante all’esercente che ha concesso lo sconto. La rimanente parte del 50% che non viene rimborsata, rileva l’Agenzia, costituisce un ricavo. Per quanto riguarda l’emissione della fattura a saldo, dovrà avvenire all’atto del pagamento del corrispettivo, ossia al momento in cui opera la compensazione, come deciso nell’ambito dei reciproci rapporti di debito/credito fra l’esercente e la società istante.

Condividi su:
Cessione/rimborso punti da App fedeltà, operazioni rilevanti ai fini Iva

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto