Normativa e prassi

31 Maggio 2021

Iva cessioni integratori alimentari, a ciascuno un’aliquota “ragionata”

Con sette distinte risposte, tutte del 31 maggio 2021, a sette interpelli, finalizzati a conoscere la corretta aliquota Iva da applicare alle cessioni di diversi tipi di “integratori alimentari a base di erbe e/o nutritivi”, l’Agenzia delle entrate, con il supporto dei pareri forniti dai laboratori chimici dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, argomenta perché alcuni godono di un Iva ridotta al 10% e altri, invece, scontano l’imposta ordinaria. Gli integratori alimentari, infatti, non sono prodotti che di per sé beneficiano dell’aliquota ridotta, poiché non espressamente previsti in alcuna delle parti della Tabella A, allegata al decreto Iva (Dpr n. 633/1972). Quindi, per l’eventuale applicazione dell’Iva al 10% è stato necessario analizzare la composizione di ciascun integratore e capire se poteva rientrare nella voce 21.06.90 che riguarda solo le “preparazioni alimentari non nominate né comprese altrove, esclusi gli sciroppi di qualsiasi natura”, con la conseguenza che solo agli integratori, classificati da Adm in detta voce, può essere riconosciuta l’aliquota agevolata.

Risposte n. 380 e n. 384
In questi casi, si è dovuta esprimere su integratori alimentari a base di erbe e/o nutritivi, ossia prodotti a base di gemmoderivati “costituiti da glicerina vegetale biodistillata, da acqua pura e dalle relative materie prime vegetali, che variano a seconda del prodotto”. Tali integratori, per l’Agenzia delle dogane, possono essere classificati alla voce 1302: “Succhi ed estratti vegetali; sostanze pectiche, pectinati e pectati; agar-agar ed altre mucillagini ed ispessenti derivati da vegetali, anche modificati” e, in particolare, al codice NC 13021970, “Succhi ed estratti vegetali”; — “altri”, — “altri“.
Per quanto concerne il trattamento Iva, l’Agenzia delle entrate osserva che il richiamo al capitolo 13 della Tariffa d’uso in vigore fino al 31 dicembre 1987 è contenuto esclusivamente nel n. 43) della Tabella A, parte III, allegata al decreto Iva, che prevede l’applicazione dell’aliquota del 10% per cento per “43) succhi ed estratti vegetali di luppolo; manna (v.d. ex 13.03)”. La norma, tuttavia, non comprende tutti i succhi ed estratti vegetali, ma solo ed esclusivamente quelli di luppolo e la manna e, infatti, antepone “ex” alla voce doganale richiamata, quanto a significare che la voce ha una portata più ampia rispetto a quella della norma Iva.
Per “ex” si intende in sostanza “una parte di” e, pertanto, è necessario individuare all’interno della voce considerata solo i beni espressamente e tassativamente elencati nelle parti della Tabella allegata al decreto Iva.
Di conseguenza, agli integratori alimentari a base di gemmoderivati dovrà essere applicata l’aliquota Iva ordinaria del 22 per cento.

Risposta n. 381
Sono 102 gli integratori costituiti da “estratti integrali – liquidi analcolici”, contraddistinti ciascuno da un diverso principio attivo, riguardo ai quali l’istante ha chiesto di poter applicare l’aliquota Iva ridotta. L’Agenzia, in tale ipotesi, ha ottenuto lo stesso parere tecnico dalle Dogane che hanno classificato tutti i prodotti nella voce della nomenclatura doganale 1302. Tuttavia, uno di questi è a base di luppolo. Pertanto, a 101 integratori andrà applicata l’Iva al 22%, mentre solo l’integratore “estratto integrale di luppolo” sconterà l’aliquota ridotta.
 
Risposte n. 382, n. 383, n. 385 e n. 386
Diverso il discorso per l’integratore alimentare che favorisce la regolarità del colon. Le Dogane lo hanno inserito direttamente nella voce 2106, che comprende anche “le preparazioni indicate spesso sotto il nome di complementi alimentari, a base di estratti di piante, di concentrati di frutta, di miele, di fruttosio, ecc., addizionate di vitamine e talvolta di quantità molto piccole di composti di ferro. Queste preparazioni vengono spesso presentate in confezioni con l’indicazione che le stesse sono destinate a mantenere l’organismo in buona salute“. Detto ciò, il prodotto in esame fruisce dell’Iva al 10%, purché non si tratti di sciroppo.
Medesima classificazione e aliquota agevolata hanno ottenuto, infine, trentadue integratori a base di erbe, venti integratori alimentari a base di gemmoderivati con composizione chimica diversa dai precedenti e i prodotti consistenti in estratti liquidi analcolici a base di magnesio cloruro.

Condividi su:
Iva cessioni integratori alimentari, a ciascuno un’aliquota “ragionata”

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Soggetta a Iva l’attività in Italia anche con iscrizione all’Aire

La costituzione nel territorio italiano del domicilio fiscale, pur in presenza della residenza in un Paese terzo, come il Regno Unito, non impedisce di considerare la cittadina italiana, chiaramente intenzionata ad avviare la sua unica attività professionale, quale soggetto passivo Iva alla stregua di un qualsiasi altro residente.

Normativa e prassi 16 Agosto 2022

Cambi delle valute estere: online le medie di luglio 2022

È in Rete, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il provvedimento del 16 agosto del direttore dell’Agenzia, con il quale sono accertate le medie dei cambi delle valute estere per il mese di luglio 2022, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

Analisi e commenti 16 Agosto 2022

Il rilascio del falso “visto leggero” è sanzionabile penalmente

Al fine di contrastare i fenomeni “patologici” collegati alle compensazioni di crediti inesistenti e alle indebite cessioni di credito d’imposta non spettanti, e al fine di garantire ai contribuenti il corretto adempimento degli obblighi tributari e, conseguentemente, agevolare l’amministrazione finanziaria nei successivi controlli, il legislatore tributario, con il decreto legislativo n.

Normativa e prassi 12 Agosto 2022

Rilascio obbligatorio delle frequenze, l’indennizzo è contributo in c/capitale

Con la risposta n. 427 del 12 agosto 2022, l’Agenzia chiarisce che il contributo percepito nell’anno corrente dalla società e previsto ex lege per la rottamazione obbligatoria delle frequenze inerenti al servizio televisivo digitale terrestre va qualificato come sopravvenienza attiva e, essendo ricompreso nell’articolo 88, comma 3, lettera b) del Tuir, concorre alla determinazione del reddito nell’esercizio in cui è stato incassato e nei successivi, ma non oltre il quarto.

torna all'inizio del contenuto