Normativa e prassi

19 Maggio 2021

Conformità apparecchi da gioco: Iva sul costo del nulla-osta in rivalsa

La somma addebitata dal produttore/importatore all’acquirente degli apparecchi da intrattenimento Awp (amusement with prize), a titolo di rivalsa del “corrispettivo una tantum” dovuto dal cedente all’ex Aams per il rilascio del nulla-osta relativo alla distribuzione di tali apparecchi (Nod) entra nella base imponibile Iva. L’esercizio del diritto di rivalsa dell’una tantum, infatti, non è contemplato dalla norma di riferimento.
Così, in estrema sintesi, risponde l’Agenzia alla domanda di una società, che acquista e gestisce apparecchi Awp, relativa al trattamento Iva di questi importi addebitatigli in fattura dai propri fornitori (risposta n. 357 del 19 maggio 2021).

A parere della società, nonostante la denominazione di corrispettivo una tantum, adottata dal legislatore, le somme fisse e forfettarie versate a fronte del rilascio dei nulla-osta di distribuzione da parte dell’ex Amministrazione autonoma del monopoli di Stato (ora Agenzia delle dogane dei monopoli) non presentano le caratteristiche proprie degli importi pagati a titolo di “corrispettivo”, intesi quali controprestazioni monetarie di un obbligo sinallagmatico nel rapporto con l’ex Aams. Infatti, le procedure di rilascio dei nulla-osta autorizzativi, tra cui il Nod, nonché le relative obbligazioni di pagamento a carico degli interessati (produttori, gestori, concessionari) sono imposte dalla legge e il soggetto che percepisce il corrispettivo agisce in veste di pubblica autorità, quindi, non assume lo status di soggetto passivo d’imposta.
In sostanza, per l’istante, il riaddebito in questione dovrebbe assumere natura di traslazione di oneri amministrativi di carattere obbligatorio ai fini del rilascio del Nod, sostenuti in nome e per conto del gestore, riconducibile, in quanto tale, nell’alveo delle spese anticipate in nome e per conto del gestore, con conseguente esclusione di dette somme dalla base imponibile Iva.

Tutto vero, ma c’è un ma, messo in evidenza dalla direzione Giochi dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, alla quale si è rivolta l’Agenzia delle entrate per un corretto inquadramento della tematica.
La direzione interessata, dopo aver ricostruito il contesto normativo, individuato nell’articolo 27, comma 3, del Dl n. 4/2019, che ha istituito l’una tantum per il rilascio delle certificazioni di conformità degli apparecchi da gioco previste dall’articolo 38 della legge n. 388/2000, e aver precisato che, in generale “ai fini della qualificazione giuridica della somma imposta al produttore/importatore degli apparecchi AWP per il rilascio dei Nullaosta di distribuzione,…, si ha ragione di ritenere che tale somma, al pari di quella erogata dal concessionario per il Noe – nulla-osta per la messa in esercizio – non assuma natura tributaria ma si qualifichi quale onere amministrativo connesso, in via generale, all’esercizio del gioco mediante gli apparecchi di cui all’art. 110, comma 6, lett. a), del TULPS”, ha osservato che “l’esercizio del diritto di rivalsa, oltre a non essere contemplato dalla norma di cui all’art. 27, comma 3, del D.L. n. 4/2019, non trova disciplina nei diversi capitolati che di fatto regolano i rapporti tra quest’Agenzia e i diversi soggetti che partecipano alla filiera del gioco lecito esercitato attraverso gli apparecchi con vincita in denaro, risultando tale aspetto ascrivibile al rapporto più propriamente contrattuale, o comunque privatistico, intercorrente tra l’aggiudicatario della concessione (concessionario), il proprietario ovvero possessore degli apparecchi (gestore) e il produttore/importatore degli stessi“.   
Dalla ricostruzione, pertanto, emerge chiaramente che la somma dovuta per il rilascio del nulla-osta di distribuzione è un onere amministrativo imposto al solo produttore e/o importatore degli apparecchi, in relazione al quale il legislatore non ha riconosciuto alcun diritto di rivalsa.

La conseguenza è che, tenuto conto dei rapporti negoziali intercorrenti tra i soggetti coinvolti nell’operazione di acquisizione degli apparecchi, le somme addebitate dal fornitore, all’acquirente degli stessi, a titolo di rivalsa del “corrispettivo una tantum” dovuto dal cedente, devono essere qualificate come “oneri verso terzi accollati al cessionario”, che concorreranno, insieme al corrispettivo pattuito contrattualmente, alla formazione della base imponibile Iva, relativa alla cessione degli apparecchi.

Condividi su:
Conformità apparecchi da gioco: Iva sul costo del nulla-osta in rivalsa

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto