Attualità

31 Marzo 2021

Abbonamenti speciali Rai: importi confermati per il 2021

Importi confermati per il pagamento del canone speciale radiotelevisivo relativo ai dispositivi detenuti al di fuori dell’ambito familiare. Alberghi, cinema, teatri e gli altri locali aperti al pubblico continueranno a pagare, come disposto dal decreto 31 dicembre 2020 del Mise pubblicato ieri, 30 marzo 2021, in Gazzetta ufficiale, serie generale n. 77/2021, utilizzando le tabelle 3 e 4 allegate al decreto ministeriale del 29 dicembre 2014, già valide per il pagamento dello stesso tipo di canone negli anni passati.

I canoni speciali sono dovuti da chi detiene apparecchi utili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive, impiegati a scopo di lucro negli esercizi pubblici. Gli abbonamenti hanno validità limitata all’indirizzo dichiarato al momento della stipula del contratto. In caso si posseggano dispositivi in sedi diverse, va stipulato un contratto per ciascuno dei luoghi dove sono utilizzati.
Il canone speciale è strettamente personale: in caso di cessione degli apparecchi o di cessione o chiusura dell’attività, deve essere data disdetta del canone alla Rai.

Tornando al pagamento, le tabelle 3 e 4 confermate dal Dm del ministero dello Sviluppo economico pubblicato ieri, riportano:

  • Tabella n. 3, gli importi dovuti per gli abbonamenti presso le strutture ricettive come alberghi, villaggi turistici, campeggi, bar, ristoranti; la “forbice” delle somme da pagare va da 195,87 euro per chi, qualsiasi sia la categoria dell’impianto, usa un solo apparecchio televisivo, a 6.528,27 euro per gli alberghi con 5 stelle e con cento o più camere. Nella categoria che paga l’importo più basso sono compresi anche i negozi, mense aziendali, studi professionali, circoli, associazioni e sedi di partiti politici. Per le strutture che utilizzano solo apparecchi radiofonici la quota annua da versare è pari a 28,79 euro
  • Tabella n. 4, il canone speciale dovuto per l’uso degli apparecchi televisivi nei cinema, teatri, discoteche e negli altri locali a questi assimilabili; in questo caso l’importo è compreso tra 243,51 e 315,97 euro, anche in questo caso in base alla categoria della struttura.

Gli importi riportati nelle tabelle sono calcolati al netto della tassa di concessione governativa o comunale e Iva.

Un’importante novità su questo tema è contenuta nel decreto “Sostegni”, in vigore dalla scorsa settimana, che all’articolo 6 dispone per il 2021 la riduzione del 30% del canone speciale. Se qualche esercente avesse già pagato l’intero importo dell’abbonamento prima dell’emanazione del decreto, potrà fruire di un credito d’imposta (che non concorre alla formazione del reddito imponibile) pari alla riduzione che avrebbe potuto applicare (vedi articolo “Dl “Sostegni” – 4: le misure su bollette e canone Rai non domestici”).

Condividi su:
Abbonamenti speciali Rai: importi confermati per il 2021

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto