Attualità

31 Marzo 2021

Abbonamenti speciali Rai: importi confermati per il 2021

Importi confermati per il pagamento del canone speciale radiotelevisivo relativo ai dispositivi detenuti al di fuori dell’ambito familiare. Alberghi, cinema, teatri e gli altri locali aperti al pubblico continueranno a pagare, come disposto dal decreto 31 dicembre 2020 del Mise pubblicato ieri, 30 marzo 2021, in Gazzetta ufficiale, serie generale n. 77/2021, utilizzando le tabelle 3 e 4 allegate al decreto ministeriale del 29 dicembre 2014, già valide per il pagamento dello stesso tipo di canone negli anni passati.

I canoni speciali sono dovuti da chi detiene apparecchi utili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive, impiegati a scopo di lucro negli esercizi pubblici. Gli abbonamenti hanno validità limitata all’indirizzo dichiarato al momento della stipula del contratto. In caso si posseggano dispositivi in sedi diverse, va stipulato un contratto per ciascuno dei luoghi dove sono utilizzati.
Il canone speciale è strettamente personale: in caso di cessione degli apparecchi o di cessione o chiusura dell’attività, deve essere data disdetta del canone alla Rai.

Tornando al pagamento, le tabelle 3 e 4 confermate dal Dm del ministero dello Sviluppo economico pubblicato ieri, riportano:

  • Tabella n. 3, gli importi dovuti per gli abbonamenti presso le strutture ricettive come alberghi, villaggi turistici, campeggi, bar, ristoranti; la “forbice” delle somme da pagare va da 195,87 euro per chi, qualsiasi sia la categoria dell’impianto, usa un solo apparecchio televisivo, a 6.528,27 euro per gli alberghi con 5 stelle e con cento o più camere. Nella categoria che paga l’importo più basso sono compresi anche i negozi, mense aziendali, studi professionali, circoli, associazioni e sedi di partiti politici. Per le strutture che utilizzano solo apparecchi radiofonici la quota annua da versare è pari a 28,79 euro
  • Tabella n. 4, il canone speciale dovuto per l’uso degli apparecchi televisivi nei cinema, teatri, discoteche e negli altri locali a questi assimilabili; in questo caso l’importo è compreso tra 243,51 e 315,97 euro, anche in questo caso in base alla categoria della struttura.

Gli importi riportati nelle tabelle sono calcolati al netto della tassa di concessione governativa o comunale e Iva.

Un’importante novità su questo tema è contenuta nel decreto “Sostegni”, in vigore dalla scorsa settimana, che all’articolo 6 dispone per il 2021 la riduzione del 30% del canone speciale. Se qualche esercente avesse già pagato l’intero importo dell’abbonamento prima dell’emanazione del decreto, potrà fruire di un credito d’imposta (che non concorre alla formazione del reddito imponibile) pari alla riduzione che avrebbe potuto applicare (vedi articolo “Dl “Sostegni” – 4: le misure su bollette e canone Rai non domestici”).

Condividi su:
Abbonamenti speciali Rai: importi confermati per il 2021

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Wallet utilizzabile ad ampio raggio, per l’Iva è un voucher multiuso

Le cessioni e le prestazioni di servizi pagate con un borsellino elettronico che consente di effettuare trasferimenti soggetti ad aliquote Iva differenti sono considerate realizzate quando avviene l’operazione e non all’emissione del buono, e devono essere documentate in quel momento con fattura o tramite memorizzazione elettronica e invio telematico dei corrispettivi giornalieri.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

torna all'inizio del contenuto