Normativa e prassi

30 Marzo 2021

Corrispettivi giornalieri: più tempo per adeguarsi al nuovo tracciato

Slitta al 1° ottobre 2021 la data per adeguarsi al nuovo tracciato telematico per l’invio dei dati dei corrispettivi giornalieri (“Tipi dati per i corrispettivi” – versione 7.0 di giugno 2020). Lo stabilisce il provvedimento firmato oggi 30 marzo 2021 dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, anche alla luce delle disposizioni contenute nel decreto “Sostegni”.
 

Recepite le richieste delle associazioni di categoria per il protrarsi della situazione emergenziale da Covid-19 e considerate le previsioni contenute nell’articolo 1, comma 10, del decreto “Sostegni”, che ha posticipato i termini entro cui l’Agenzia delle entrate deve mettere a disposizione dei contribuenti Iva le bozze dei registri, delle comunicazioni di liquidazioni periodiche e della dichiarazione Iva, viene prorogata dal 1° aprile 2021 al 1° ottobre 2021 la data di avvio dell’utilizzo esclusivo del nuovo tracciato telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri “Tipi dati per i corrispettivi – versione 7.0 – giugno 2020”, e del conseguente adeguamento dei registratori telematici.

Sono, dunque, prorogati al 30 settembre 2021 anche i termini per adeguare i registratori telematici, ossia entro i quali i produttori possono dichiarare la conformità alle specifiche tecniche di un modello già approvato dall’Agenzia delle entrate.

Il provvedimento odierno “aggiorna” i contenuti in tema di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri, del provvedimento del 23 dicembre 2020, a sua volta ritoccato dal provvedimento del 28 ottobre 2016 (modificato dai provvedimenti del 18 aprile 2019 del 20 dicembre 2019 e del 30 giugno 2020).

Condividi su:
Corrispettivi giornalieri: più tempo per adeguarsi al nuovo tracciato

Ultimi articoli

Attualità 20 Ottobre 2021

Tax credit servizi digitali 2021, le domande da oggi, 20 ottobre

Al via da oggi, 20 ottobre, e fino alla mezzanotte del 20 novembre 2021 le domande al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria per accedere al credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e periodici per l’acquisizione di servizi digitali.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Il contratto non lascia dubbi è una permuta di beni pubblici

Il contratto di trasferimento di un immobile dal Demanio, che agisce per conto dello Stato, a un ente territoriale, in attuazione di un accordo di programma quadro, se contiene l’elenco dei beni immobili reciprocamente trasferiti con il relativo valore e presenta gli elementi tipici dell’operazione, può essere considerato una permuta di beni pubblici e beneficiare dei relativi regimi di favore previsti per le imposte di registro, ipo-catastali e bollo.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

I registratori di cassa telematici non sono “iperammortizzabili”

L’interconnessione dei registratori di cassa telematici con il sistema informativo aziendale non comporta, di per sé, l’automatico riconoscimento dell’agevolazione prevista dalla legge di bilancio 2017 (articolo 1, comma 9) e più volte prorogata (articolo 1, comma 30, Bilancio 2018 e articolo 1, comma 60, Bilancio 2019), meglio conosciuta come “iperammortamento”.

Normativa e prassi 20 Ottobre 2021

Bonus “Restauro” edifici storici, le istanze partono a febbraio 2022

È pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 il credito d’imposta previsto per la manutenzione, la protezione o il restauro degli immobili di interesse storico e artistico.

torna all'inizio del contenuto