Attualità

9 Marzo 2021

Mercato residenziale in ripresa, compravendite in rialzo a fine 2020

Pubblicato oggi, dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate, il report sui dati relativi alle quantità di abitazioni scambiate nel quarto trimestre 2020 in Italia. Dal rapporto emerge, per le compravendite residenziali, una variazione tendenziale positiva dell’8,8%, rispetto allo stesso trimestre del 2019, quasi triplicata rispetto alla precedente rilevazione (+3% nel 3° trimestre 2020 rispetto al 3° trimestre 2019).

I dati delle compravendite diffusi nel rapporto nel dettaglio mensile evidenziano un aumento tendenziale di acquisti  di abitazioni, rispetto al 2019, più contenuto a ottobre 2020 (+2,9%, con oltre 59mila abitazioni transate), una forte accelerazione a novembre (+13,6%, con circa 56mila unità transate) e un analogo rialzo di compravendite a dicembre (+10,6%, con quasi 68mila abitazioni transate). Ma è nei comuni non capoluogo, dove sono state compravendute nel 4° trimestre 2020 quasi 126 mila abitazioni, che sono stati rilevati i tassi tendenziali positivi più elevati: +6,6% a ottobre, +16% a novembre e +13,3% a dicembre.
 

mese NTN 2020
capoluoghi
NTN 2020
non capoluoghi
NTN 2020 Var% NTN
20/19
capoluoghi
Var% NTN
20/19
non capoluoghi
Var% NTN
20/19
ottobre    18.305    41.073   59.378 4,6% 6,6% 2,9%
novembre    17.746    38.338    56.085 8,9% 16,0% 13,6%
dicembre    21.459    46.460    67.919 5,1% 13,3% 10,6%
Totale 4° trimestre 57.510 125.871 183.382 2,9% 11,8% 8,8%

Esaminando i dati del report nel dettaglio delle aree territoriali italiane, emerge nel 4° trimestre 2020 un unico dato negativo, ma di lieve entità, per il tasso tendenziale rilevato nei capoluoghi del Sud, -0,1% rispetto al 4° trimestre del 2019. Al Centro si registra la più alta crescita degli scambi (+12,3%), trainata dal deciso rialzo di compravendite nei comuni minori (+16,8%), ma anche del buon rialzo dei volumi di compravendita nei comuni capoluogo (+6,9%), il più alto tra le aree del Paese. Nelle Isole, capoluoghi e non capoluoghi mostrano rialzi molto simili. Nelle aree del Nord, la distanza dei tassi tendenziali, tra capoluoghi e comuni minori, rimane elevata: +1% nei capoluoghi e oltre il 10% negli altri comuni.

variazioni compravendite immobiliari - grazfico del confronto tra 4° trimestre del 2019 e stesso trimestre del 2020

I dati resi disponibili per taglio dimensionale delle abitazioni compravendute mostrano che la crescita coinvolge tutti i segmenti e in misura maggiore le abitazioni più grandi: +10,7% per le abitazioni con superficie tra 115 e 145 m2, +14% per le abitazioni oltre 145 m2. Le compravendite di abitazioni di taglio più piccolo, fino a 50 m2, di contro, mostrano la crescita più contenuta (+4,1%). Risulta in leggero aumento la media della superficie delle abitazioni compravendute, 108 m2 nel 4° trimestre del 2020, quasi 2 m2 in più dell’analogo dato rilevato nel 4° trimestre del 2019.

Tra le grandi città Roma e Genova sono in ripresa, Milano, Bologna e Firenze restano in perdita
Il dato complessivo della variazione tendenziale del numero di abitazioni compravendute nelle otto grandi città, nel trimestre in esame, è +0,2 per cento. Si tratta di circa 28mila unità compravendute in totale, di cui quasi il 70% concentrate a Roma, Milano e Torino, con un netto miglioramento rispetto al dato molto negativo rilevato nel precedente trimestre, quando era a -11,2%, ma ancora lontano dal dato medio nazionale. In positivo, per il trimestre in esame, Roma (+7,9%) e Genova (+8,4%); in sostanziale stabilità Torino, Palermo e Napoli; ancora in diminuzione risultano gli scambi a Milano, Bologna e Firenze anche se le perdite sono in decelerazione.

grafico con le variazioni NTN 2019/2020 nelle città

In crescita anche gli acquisti delle pertinenze residenziali (cantine, soffitte, box e posti auto)
I dati resi disponibili mostrano la sempre più evidente propensione nel Paese ad acquistare, insieme all’abitazione, spazi pertinenziali. Le compravendite di cantine e soffitte, nel quarto trimestre 2020, presentano, infatti, una variazione ancora più positiva del mercato delle abitazioni, con un tasso tendenziale di crescita in termini di volumi di compravendita pari a +48,3%, che supera, fino quasi a raddoppiare, la crescita registrata nel trimestre precedente (era +25,6%).
Si rilevano tassi positivi in tutte le cinque macro aree italiane, ma con andamenti differenti localmente. Nel Nord Ovest il tasso tendenziale di crescita è decisamente più marcato che al Sud e nelle Isole e la crescita si concentra, generalmente, in misura maggiore nei centri capoluogo.
I dati relativi ai depositi pertinenziali delle otto principali città riflettono l’andamento nazionale, anche se con un andamento fortemente differenziato tra le diverse città.

Anche il segmento di mercato dei box e dei posti auto mostra, nel quarto trimestre 2020, una decisa crescita tendenziale, +11,2%, più ampia rispetto alla precedente rilevazione, quando era +4,3 per cento.
La disaggregazione territoriale evidenzia tassi tendenziali positivi ovunque, ad eccezione del Sud che, nel solo caso dei Capoluoghi, presenta l’unico dato lievemente negativo, -0,3%. In generale la tendenza positiva è maggiormente evidente nei comuni minori. Anche nelle otto principali città le compravendite di box e posti auto, nel 4° trimestre 2020, presentano un tasso tendenziale positivo, nel complesso +2,9%, che ribalta il dato negativo registrato nel trimestre precedente, quando era -2,4 per cento.

Condividi su:
Mercato residenziale in ripresa, compravendite in rialzo a fine 2020

Ultimi articoli

Analisi e commenti 22 Ottobre 2021

Prima casa under 36 – 2 Dettagli sul bonus “riacquisto”

Il credito d’imposta per il riacquisto della prima casa, previsto dall’articolo 7 della legge n.

Attualità 22 Ottobre 2021

Rottamazione, pagamenti, rate: le Faq sul sito di Riscossione

Pubblicate sul sito di Agenzia entrate-Riscossione, le Faq con alcuni chiarimenti sul set di misure di favore introdotte dal decreto fiscale (Dl n.

Attualità 22 Ottobre 2021

Cartelle e avvisi esecutivi inevasi, non c’è esproprio senza intimazione

La procedura finalizzata all’espropriazione forzata, innescata dal mancato versamento di somme indicate in cartelle e avvisi di accertamento esecutivi, da parte di contribuenti che li avevano ricevuti all’inizio della sospensione dei termini (articolo 68, Dl n.

Analisi e commenti 22 Ottobre 2021

Collegato fiscale 2022 – 1: riscossione con kit anti-crisi

Più tempo – centocinquanta giorni – per pagare le somme richieste con le cartelle notificate nell’ultimo quadrimestre di quest’anno; rimessione in termini per i decaduti dalla “rottamazione-ter” e dal “saldo e stralcio”, con versamento degli arretrati, senza oneri aggiuntivi, entro il mese di novembre; innalzamento a diciotto del numero di rate non onorate che fa venir meno i piani di dilazione.

torna all'inizio del contenuto