Attualità

1 Marzo 2021

5‰ 2021, online l’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati

Sono 49.264 gli iscritti nell’elenco permanente degli enti di volontariato che possono beneficiare della ripartizione della quota del 5mille dell’Irpef, relativa all’anno finanziario 2021, ripartita in base alle scelte effettuate dai contribuenti in occasione della dichiarazione dei redditi. La lista, suddivisa in tre parti, è pubblicata sul sito dell’Agenzia delle entrate nell’area tematica dedicata al contributo.
Un pratico motore di ricerca consente di individuare gli iscritti per denominazione, codice fiscale e provincia.

L’elenco degli enti accreditati è stato aggiornato, rispetto al precedente periodo d’imposta, con l’inserimento dei nuovi arrivati, ovvero degli enti regolarmente iscritti nel 2020 e in possesso dei requisiti previsti dalla norma, e il depennamento di coloro ne sono usciti in seguito alla revoca dell’iscrizione richiesta dagli interessati o ai controlli effettuati dalle amministrazioni competenti.
Per le organizzazioni inserite si tratta di un traguardo importante, perché entrare nella lista oggi pubblicata significa non dover ripetere annualmente la procedura per la richiesta iscrizione e, quindi, inviare nuovamente la domanda telematica e la dichiarazione sostitutiva che attesta il possesso dei requisiti.

Da quest’anno, gli elenchi permanenti della ricerca scientifica e dell’università, della ricerca sanitari, e delle associazioni sportive dilettantistiche sono pubblicati sui siti istituzionali delle amministrazioni competenti, e quindi, rispettivamente, del ministero dell’Università e della Ricerca, del ministero della Salute e del Coni.

Nuovo rappresentante, nuova dichiarazione sostitutiva
Gli enti che sono presenti nell’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati 2021 non sono tenuti a ripetere la procedura di iscrizione al 5 per mille. Tutto ciò, naturalmente, soltanto nel caso in cui non siano cambiate le condizioni rispetto alla certificazione inviata precedentemente. In caso contrario, il rappresentante legale deve comunicare alla competente direzione regionale dell’Agenzia, entro trenta giorni, le modifiche intervenute. Trenta giorni di tempo anche per sottoscrivere e inviare la richiesta di cancellazione dall’elenco permanente in caso di sopravvenuta  perdita dei requisiti. Inoltre, se è cambiato il rappresentante legale dell’ente, occorre trasmettere una nuova dichiarazione sostitutiva alla competente Dr, entro il termine di scadenza dell’invio della dichiarazione sostitutiva per lo stesso anno (nel nostro caso 30 giugno 2021), tramite la casella Pec del nuovo rappresentante. Resta valida, invece, la domanda di iscrizione già presentata.
Il contributo utilizzato indebitamente deve essere riversato dal beneficiario entro 60 giorni dalla eventuale contestazione del Fisco altrimenti l’amministrazione recupera la somma con l’erogazione delle sanzioni e degli interessi previsti.

Il calendario del 5 per mille
Infine, i nuovi aspiranti beneficiari del 5 per mille dell’Irpef, ancora fuori degli elenchi permanenti, dovranno fare riferimento al seguente calendario:

  • entro il 7 maggio presentazione della domanda
  • entro il 14 maggio pubblicazione dell’elenco dei nuovi iscritti
  • entro il 20 maggio presentazione delle istanze per la correzione di errori
  • 25 maggio pubblicazione dell’elenco aggiornato degli iscritti al beneficio
  • 30 giugno ultimo giorno per l’invio delle dichiarazioni sostitutive.
Condividi su:
5‰ 2021, online l’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto