Attualità

29 Gennaio 2021

Tax credit cinema: una nuova tornata in arrivo per sale e produzione

Pubblicati sul sito del ministero per i Beni e le attività culturali e per il Turismo nella sezione della direzione generale Cinema e Audiovisivo quattro distinti decreti direttoriali, tutti emanati ieri, 28 gennaio 2021, con i quali vengono riconosciuti crediti d’imposta spettanti per l’adeguamento strutturale e rinnovo degli impianti di sale cinematografiche e per la produzione cinematografica e tv/web.

Il decreto n. 201 e il decreto n. 202 riguardano la realizzazione, il ripristino e l’aumento degli schermi o l’adeguamento strutturale e rinnovo degli impianti di sale cinematografiche da parte di imprese di esercizio cinematografico italiane. In particolare, il primo decreto riguarda le domande preventive arrivate nella II sessione 2019 mentre il secondo decreto è inerente alle richieste preventive pervenute nella II e II sessione 2018 e nella II sessione 2019 da parte dei diversi soggetti interessati.
La pubblicazione dei decreti sul sito istituzionale della Dg Cinema e Audiovisivo costituisce comunicazione ai beneficiari del riconoscimento del credito d’imposta teorico e tale credito è utilizzabile a partire dal giorno 10 del mese successivo alla pubblicazione dei rispettivi decreti
Inoltre, per gli anni 2021 e 2022 il riconoscimento del credito d’imposta è subordinato alla effettiva disponibilità di risorse afferenti, per tali annualità, al Fondo previsto dall’articolo 13, comma 5 della legge n. 220/2016.

Il decreto n. 203 e il decreto n. 204 riguardano gli esiti delle istruttorie effettuate sull’ammissibilità delle richieste preventive di credito d’imposta per la produzione cinematografica e tv/web e delle richieste definitive per gli stessi settori e per la produzione.
Gli importi riconosciuti sono suddivisi in base al piano di utilizzo specificato all’interno della domanda.
Anche in questo caso la pubblicazione dei decreti costituisce comunicazione di riconoscimento del tax credit, senza invio a mezzo Pec delle singole comunicazioni di riconoscimento e il credito sarà utilizzabile a partire dal giorno 10 del mese successivo alla comunicazione di riconoscimento.

La Dg Cinema può richiedere, in qualsiasi momento, ulteriore documentazione necessaria alla verifica della corrispondenza di quanto comunicato con i requisiti di ammissibilità ai benefici così come le Amministrazioni competenti possono disporre appositi controlli atti a verificare la corretta fruizione delle agevolazioni.
Nel contempo i beneficiari devono comunicare tempestivamente alla Dg Cinema l’eventuale perdita, dopo l’accoglimento della richiesta di agevolazione o nelle more della comunicazione del credito spettante definitivo, dei requisiti di ammissibilità ai benefici previsti.

Condividi su:
Tax credit cinema: una nuova tornata in arrivo per sale e produzione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Maggio 2021

Isa “ritoccati” con decreto Mef – 1 revisione straordinaria per Covid

Con il decreto 30 aprile 2021 del ministero dell’Economia e delle Finanze, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 17 maggio 2021, sono state introdotte una serie di modifiche agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) approvati con i decreti ministeriali 24 dicembre 2019 e 2 febbraio 2021, applicabili al periodo d’imposta 2020.

Normativa e prassi 17 Maggio 2021

Smartworking del distaccato in Francia, il reddito deve essere ricalcolato

Il sostituto d’imposta, nel caso in cui il lavoratore residente in Italia e distaccato in Francia lavori, a causa della pandemia, da remoto in Italia, è tenuto a rideterminare il reddito del lavoratore basato sulla “retribuzione convenzionale” prevista dal decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Il rientro in Italia, infatti, fa venir meno il requisito della permanenza all’estero necessario per l’applicazione della “retribuzione tabellare”.

Normativa e prassi 17 Maggio 2021

Piattaforme robotiche a Iva piena, la loro cessione non è accessoria

Iva ordinaria sulla fornitura di piattaforme robotiche per ortopedia protesica di anca e ginocchio, programmata da un Servizio sanitario regionale.

Normativa e prassi 17 Maggio 2021

Scritture in modalità elettronica, il corretto assolvimento del Bollo

Le regole per l’assolvimento dell’imposta di bollo per registri e libri contabili tenuti con sistemi informatici prevedono l’utilizzo esclusivo della modalità telematica, vale a dire il versamento tramite F24, con il codice tributo 2501 denominato “imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari- articolo 6 del decreto 17 giugno 2014”.

torna all'inizio del contenuto