Attualità

13 Novembre 2020

Dl “Ristori-bis”, le misure – 1 Versamenti di novembre in stand-by

Stop ai pagamenti dell’Iva, delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati nonché delle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale Irpef operate in qualità di sostituti d’imposta in scadenza questo mese. L’ambito soggettivo di applicazione è alquanto articolato, in funzione delle recenti misure restrittive alle attività economiche imposte – per fronteggiare l’impennata dell’emergenza epidemiologica – in maniera diversificata nelle varie zone in cui è stato suddiviso il territorio nazionale. A prevederlo, l’articolo 7 del Dl 149/2020 (decreto “Ristori-bis”).

Gli appuntamenti sospesi
Per aiutare gli operatori economici interessati dalle chiusure, totali o parziali, dettate dal recente Dpcm 3 novembre 2020 per contenere la diffusione del virus Covid-19, sono sospesi alcuni dei versamenti fiscali in calendario a novembre. Nel dettaglio, si tratta dei pagamenti, tutti in programma per lunedì 16, relativi:

  • alle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e sui redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (rispettivamente, articolo 23 e articolo 24 del Dpr n. 600/1973) effettuate sugli emolumenti corrisposti nel mese precedente
  • alle addizionali regionale e comunale all’Irpef, trattenute, in qualità di sostituti d’imposta, ai lavoratori dipendenti e pensionati sulle competenze del mese precedente
  • all’imposta sul valore aggiunto, in particolare quella dovuta dai contribuenti mensili per ottobre ovvero dai trimestrali per il periodo luglio-settembre.

I destinatari della proroga
Il perimetro applicativo della sospensione dei versamenti fiscali di novembre è piuttosto frastagliato, in quanto collegato alla suddivisione del territorio nazionale in tre diverse tipologie di zone a seconda dell’andamento del contagio (rosse, arancioni, gialle), per ognuna delle quali sono state dettate differenti misure restrittive proprio in funzione della gravità del rischio epidemiologico. Pertanto, per individuare la platea dei beneficiari della misura agevolativa, che si applica a prescindere da un eventuale calo del fatturato o dei corrispettivi, occorre far riferimento al settore economico in cui si opera e al territorio di riferimento. Si tratta:

  • degli esercenti le attività economiche sospese dall’articolo 1 del Dpcm 3 novembre 2020, con domicilio fiscale, sede legale o sede operativa in una qualsiasi area del territorio nazionale, quindi a prescindere dal colore della zona di appartenenza (vi rientrano, ad esempio, palestre, piscine, discoteche, cinema, teatri, sale giochi, sale bingo, parchi tematici e di divertimento)
  • degli esercenti le attività dei servizi di ristorazione che hanno domicilio fiscale, sede legale o sede operativa nelle aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di gravità elevata (“zone arancioni”) o massima (“zone rosse”) e da un livello di rischio alto
  • degli operatori dei settori economici elencati nell’allegato 2 al decreto “Ristori-bis” (come attività commerciali al dettaglio, grandi magazzini, istituti di bellezza, servizi di manicure e pedicure, servizi di cura degli animali da compagnia) ovvero degli esercenti attività alberghiera, di agenzia di viaggio o di tour operator, con domicilio fiscale, sede legale o sede operativa in “zone rosse”.

A proposito della ripartizione del territorio nazionale in diverse aree sulla base dei dati epidemiologici e sugli scenari di rischio certificati dall’Istituto superiore di sanità, ricordiamo che a oggi, dopo l’ordinanza 10 novembre 2020 del ministero della Salute, la mappa dell’Italia è la seguente:

  • area rossa – Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, provincia autonoma di Bolzano
  • area arancione – Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria
  • area gialla – Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Sardegna, Veneto, provincia autonoma di Trento.

Se ne riparla a metà marzo
I contribuenti che beneficiano della sospensione dei versamenti in scadenza a novembre (Iva, ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, trattenute per addizionali regionale e comunale) hanno tempo fino al 16 marzo 2021 per effettuare l’adempimento senza applicazione di sanzioni e interessi.
In alternativa al pagamento in un’unica soluzione, sarà possibile dilazionare gli importi dovuti in quattro rate mensili di pari importo, con versamento della prima entro quella stessa data (quindi da marzo a giugno 2021).
La norma puntualizza che non sono rimborsabili le eventuali somme già versate in riferimento ai tributi ora sospesi.

Condividi su:
Dl “Ristori-bis”, le misure – 1 Versamenti di novembre in stand-by

Ultimi articoli

Attualità 1 Marzo 2021

5‰ 2021, online l’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati

Sono 49.264 gli iscritti nell’elenco permanente degli enti di volontariato che possono beneficiare della ripartizione della quota del 5mille dell’Irpef, relativa all’anno finanziario 2021, ripartita in base alle scelte effettuate dai contribuenti in occasione della dichiarazione dei redditi.

Attualità 1 Marzo 2021

Nuovi incentivi start-up e Pmi, domande dal 1° marzo al 30 aprile

Definite le modalità operative di accesso agli incentivi fiscali per le persone fisiche in regime de minimis che investono in start-up e Pmi innovative.

Attualità 1 Marzo 2021

Tax credit per il settore cinema: quattro elenchi di nuovi beneficiari

Sono online, sul sito del Mibact – direzione generale Cinema e Audiovisivo – quattro distinti decreti direttoriali (tax credit produzione e distribuzione cinematografica e tax credit sale cinematografiche) tutti di venerdì 26 febbraio 2021, con le nuove liste di imprese e opere ammesse nel perimetro degli sconti fiscali previsti dagli articoli 15, 16, 19 e 20, e 17 della legge n.

Normativa e prassi 1 Marzo 2021

L’imposta sui servizi digitali, ha i “numeri” per passare in cassa

Istituiti, con la risoluzione n. 14 del 1° marzo 2021, i codici tributo per versare, tramite modello F24, l’imposta sui servizi digitali, cosiddetta DST – Digital Services Tax, che ha visto la luce con la legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

torna all'inizio del contenuto