Attualità

10 Novembre 2020

Osservatorio sulle partite Iva: on line la sintesi del 3° trimestre 2020

Con 104,904 partite Iva aperte il terzo trimestre del 2020 ha evidenziato un incremento del 3% rispetto ai numeri dello scorso anno. Il periodo in esame evidenzia un aumento di nuove aperture pari a +10,2% rispetto al secondo trimestre 2020. On line, sul sito del Df, il consueto aggiornamento dell’Osservatorio sulle partite Iva, con la sintesi del 3° trimestre 2020.

Sul dato complessivo, il 71% di partite Iva sono state aperte da persone fisiche il 21,9% da società di capitali, il 3% da società di persone. Rispetto al terzo trimestre del 2019, persone fisiche e società di capitali mostrano un leggero aumento (rispettivamente +1,2% e +4,6%), mentre le società di persone registrano una flessione del 3,8%. Aumentano le aperture dei non residenti che operano nel campo delle vendite on line (+40,3%).

Uno sguardo alla ripartizione territoriale: le maggiori aperture si registrano al Nord (43,8%), segue il Sud e le isole con il 33,9% e il Centro con 21,7 per cento. La più attiva è la Valle d’Aosta (+16,8%), a seguire la Calabria (+11,9%) e la Basilicata (+11,8%). Segno meno per Marche, Piemonte e Liguria (rispettivamente -5,8%,  -4,4%, e -3,1 per cento.
In tema di settore produttivo, il commercio registra 21,5% del totale, le attività professionali 15,2% e le costruzioni 10,1 per cento. Si segnala un aumento nel campo della sanità dovuto all’emergenza Covid (+23,6%), nelle attività finanziarie (+16,7%) e nell’agricoltura (+13%).
Le flessioni più significative si evidenziano nei settori maggiormente in crisi come quello delle attività artistiche e sportive (-19,4%), alloggio e ristorazione (-13,1%), e istruzione (-12,3%).

Riguardo alle persone fisiche, stabile la ripartizione di genere con i maschi a quota 63,1 per cento. Sono i giovani fino ai 35, poi, ad avviare il maggior numero di attività con il 49,2% di nuove aperture mentre il  30,8% da soggetti appartenenti alla fascia dai 36 ai 50 anni. Rispetto allo stesso trimestre del 2019 solo i giovani hanno incrementato gli avviamenti mentre la classe più in la con gli anni ha registrato un -9,5 per cento. Aumentano i cittadini stranieri che aprono una partita Iva (21%), dato in crescita rispetto agli anni passati.

Infine uno sguardo al forfetario: sono 48.068 (pari al 45,8%), con un calo del 2,2% rispetto al 2019, i soggetti hanno aderito al regime.
 

Condividi su:
Osservatorio sulle partite Iva: on line la sintesi del 3° trimestre 2020

Ultimi articoli

Analisi e commenti 27 Gennaio 2022

Il Fisco nella legge di bilancio – 12 Professionista malato, termini sospesi

I liberi professionisti ammalati o infortunati possono temporaneamente saltare gli appuntamenti con il Fisco, purché la forzata astensione dal lavoro duri più di tre giorni.

Normativa e prassi 27 Gennaio 2022

Interventi energetici e antisismici: a ciascuno il suo stato di avanzamento

In un intervento di demolizione di due edifici con conseguente ricostruzione di un’unica unità abitativa, lo stato di avanzamento lavori pari al 30% del lavoro complessivo, che consente la fruizione dell’opzione cessione del credito, di cui l’istante intende beneficiare, deve essere riferito separatamente per ciascuno dei due interventi ammessi al Superbonus (efficientamento energetico e intervento antisismico), fermo restando il rispetto di tutte le altre condizioni previste dalla normativa.

Analisi e commenti 27 Gennaio 2022

Il settore immobiliare visto alla luce dei Big data

Tecniche di Data Mining per estrarre conoscenza dai Big data del settore immobiliare: su questo tema, Maurizio Festa, responsabile dell’ufficio Statistiche e Studi sul mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, ha pubblicato un’interessante studio sull’ultimo numero di Territorio Italia.

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

“Disallineamenti da ibridi”; pronti i chiarimenti definitivi

Chiusa la consultazione pubblica relativa a un primo schema di circolare sull’applicazione, alle controlled foreign companies, della disciplina dei “disallineamenti da ibridi” (vedi articolo “Disallineamenti da ibridi; aperta la consultazione pubblica”) introdotta dal decreto “Atad” (articoli 6 e 11 del Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto