Normativa e prassi

5 Ottobre 2020

Se c’è interesse del negoziatore, la prestazione paga l’Iva ordinaria

L’esenzione che il decreto Iva riconosce, tra le altre, alle prestazioni di mandato, mediazione e intermediazione relative a operazioni riguardanti azioni, obbligazioni o altri titoli non rappresentativi di merci e a quote sociali è di tipo oggettivo: l’attività si sostanzia nel fare il necessario perché due parti concludano un contratto, senza che il negoziatore abbia un proprio interesse riguardo al contenuto del contratto. Quando l’imparzialità della mandataria manca, non può ravvisarsi attività di mediazione e la sua prestazione va inquadrata quale “obbligazione di fare, non fare e permettere”, da assoggettare a Iva con aliquota ordinaria.
 
A originare la risposta n. 437/2020 è l’istanza di interpello presentata da una Srl, alla quale altre due società hanno affidato il compito di fare da intermediario nella vendita delle loro quote sociali, ufficializzando l’incarico mediante la stipula di un mandato con rappresentanza.
Il contribuente ritiene che il compenso percepito per l’attività di intermediazione svolta nella cessione delle partecipazioni non vada assoggettato a Iva, in quanto l’operazione rientrerebbe tra quelle esenti ai sensi dell’articolo 10, primo comma, n. 9), Dpr n. 633/1972 (“prestazioni di mandato, mediazione e intermediazione relative alle operazioni di cui ai numeri da 1 a 7”, tra le quali, al numero 4, rientrano le operazioni relative ad azioni, obbligazioni o altri titoli non rappresentativi di merci e a quote sociali).
 
A tal proposito, l’Agenzia ricorda come la giurisprudenza della Ue, in più di una circostanza, ha sancito alcuni princìpi fondamentali: l’esenzione in questione è di tipo oggettivo e l’attività di mediazione si sostanzia nel “fare il necessario perché due parti concludano un contratto, senza che il negoziatore abbia un proprio interesse riguardo al contenuto del contratto”. In altre parole, l’imparzialità del negoziatore è elemento essenziale della fattispecie: se manca, non si ravvisa attività di mediazione. L’operazione, in assenza di attività imparziale di mediazione, non può essere ricondotta tra quelle esenti previste dal citato articolo 10, bensì tra quelle di “fare, non fare e permettere”.
 
E, nella fattispecie rappresentata, anche a seguito della presentazione di documentazione integrativa, è emerso un interesse proprio della mandataria, vista anche la presenza, tra coloro che hanno sottoscritto l’accordo quadro stipulato tra i vari soggetti appositamente costituiti e coinvolti nell’operazione, di persone e società riconducibili ai soci e all’amministratore della stessa.
Non sussistendo il requisito dell’imparzialità in capo alla mandataria, la sua prestazione si configura come “obbligazione di fare, non fare e permettere” (articolo 3 dello stesso Dpr n. 633/1972), soggetta a Iva con aliquota ordinaria.

Condividi su:
Se c’è interesse del negoziatore, la prestazione paga l’Iva ordinaria

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Ottobre 2020

Consolidato interrotto e patent box: cosa fare per recuperare l’eccedenza

La risposta n. 498 del 23 ottobre 2020 illustra gli adempimenti dichiarativi da porre in essere per ottenere il riconoscimento dell’eccedenza di credito spettante, in relazione al minor reddito imponibile realizzato, a seguito della stipula dell’accordo “patent box”.

Normativa e prassi 23 Ottobre 2020

Fatture elettroniche alle Pa: il regolamento per il rifiuto

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale assume la veste dell’ufficialità il decreto n.

Attualità 23 Ottobre 2020

Bonus librerie, scadenza rinviata: presentazione fino al 30 ottobre

Una settimana in più per richiedere il tax credit librerie relativo al 2019.

Normativa e prassi 22 Ottobre 2020

Regime adempimento collaborativo: confermate le scelte organizzative

Le competenze e le modalità di applicazione del regime di adempimento collaborativo, introdotto nel nostro ordinamento dal Dlgs n.

torna all'inizio del contenuto