Attualità

15 Settembre 2020

In Agenzia su appuntamento. Prenotazioni facili 24 ore su 24

Puntualità, efficienza e, soprattutto, tempi di attesa al minimo. Da oggi, 15 settembre, la modalità di accesso agli uffici dell’Agenzia delle entrate cambia. Il canale di comunicazione privilegiato resta quello online, mentre per le pratiche che non possono essere risolte grazie al web sarà necessario prenotare un appuntamento.
Il nuovo sistema di accoglienza e ricevimento, dettato oggi dall’emergenza sanitaria e sperimentato a livello regionale, costituisce il banco di prova affinché diventi quello ordinario, cioè vada a sostituire definitivamente il modello tradizionale. Tale modalità, oltre a evitare code e assembramenti, contribuirà al miglioramento della qualità dei servizi offerti.  
 
Prenotazioni h24
Gli appuntamenti possono essere presi a tutte le ore del giorno.
Dal sito dell’Agenzia, nella sezione “Contatti e Assistenza” –“Assistenza fiscale” – “Elimina code online” tramite il servizio “web ticket”, si può prenotare un ticket da utilizzare nell’arco della stessa giornata, “staccando” un biglietto direttamente dal proprio pc o smartphone. Per ottenere la prenotazione presso l’ufficio desiderato è sufficiente cliccare su “prenota il ticket”. 
Attraverso l’app mobile “AgenziaEntrate”, con la quale si può accedere a servizi come il cassetto fiscale o la dichiarazione precompilata e che può essere scaricata (gratuitamente) dagli store Ios, Google e Microsoft, è possibile stabilire un collegamento con il call center dell’Agenzia tramite il numero dedicato mobile.
Con il telefono, tutti i contribuenti, compresi i professionisti firmatari dei protocolli di intesa con l’Agenzia, possono utilizzare l’agenda Cup (Centro unico di prenotazione) per programmare appuntamenti dedicati. Basta chiamare il numero verde 800.90.96.96 oppure, da telefono cellulare, lo 0696668907, scegliendo l’opzione 3. I numeri sono attivi 24 ore su 24 e consentono di scegliere il servizio e l’ufficio presso il quale recarsi, oltre al giorno e all’ora desiderati. Tramite Cup vengono gestite anche le richiamate.
 
Grazie a questo sistema di accesso programmato, gli uffici potranno erogare i servizi con maggiore efficienza e i contribuenti potranno recarsi in Agenzia in assoluta sicurezza all’orario stabilito, senza code o tempi di attesa.
 
Esclusivamente nei casi urgenti, la presentazione di documenti e pratiche sarà comunque garantita anche senza aver fissato preventivamente giorno e ora di “consegna” all’ufficio.
 
I servizi di assistenza “agili”
Ci sono poi servizi che possono essere ottenuti senza bisogno di andare in ufficio: i servizi “agili”, per i quali è sufficiente l’invio di una richiesta via e-mail o Pec, allegando la documentazione necessaria. In questo modo è possibile richiedere (e ricevere) il rilascio di un certificato, il codice fiscale/tessera sanitaria, un rimborso o la registrazione di un contratto.
 
Il portale internet
I contribuenti, senza recarsi in ufficio, possono anche utilizzare i canali telematici disponibili sul sito dell’Agenzia, dove sono presenti molti servizi gratuiti fruibili senza registrazione. Per altri occorre, invece, essere in possesso del codice Pin, che può essere richiesto online o attraverso l’app delle Entrate. Oltre che con le credenziali dell’Agenzia è possibile accedere ai servizi online dell’area riservata tramite Spid, il Sistema pubblico dell’Identità digitale, o tramite Carta nazionale dei servizi (Cns).
L’assistenza telefonica
Per le informazioni fiscali di carattere generale e sui servizi telematici, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17 e il sabato dalle 9 alle 13, è possibile contattare gli operatori dell’Agenzia delle entrate ai seguenti numeri di assistenza telefonica:
800.90.96.96 (da telefono fisso), numero verde gratuito (per informazioni su materie catastali è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, con esclusione delle festività nazionali, ed è disponibile per gli utenti che chiamano da un distretto telefonico delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Veneto, e Umbria e della provincia di Trento. Il servizio è attualmente in fase sperimentale)

  • 0696668907 (da cellulare), con costo della chiamata variabile in base al piano tariffario applicato dal proprio gestore
  • 0039.06.96668933, per chiamate dall’estero (il costo è a carico del chiamante).

Inoltre, è possibile prenotare una richiamata per essere ricontattati nella giornata e nella fascia oraria scelta.
Inoltre, c’è un servizio Sms che permette di richiedere semplici informazioni fiscali e riceverle sul cellulare inviando un Sms al numero 339.9942645.

Condividi su:
In Agenzia su appuntamento. Prenotazioni facili 24 ore su 24

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Split payment e reverse charge dentro la soglia del 10 per cento

Nel calcolo della soglia del 10 per cento dell’ammontare dei ricavi o compensi, tra i versamenti, deve essere considerata l’Iva relativa alle operazioni rese dalle imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici alla Pa, obbligata allo split payment, e anche l’Iva assolta dal committente in regime di inversione contabile.

Attualità 22 Settembre 2020

Superbonus 110%: nell’area ad hoc quattordici “domande frequenti”

Sul sito dell’Agenzia, nella sezione dedicata alla maxi-agevolazione del Superbonus 110% (vedi articolo “Superbonus 110%: in un click informazioni a “ciclo continuo”) dove è descritto tutto quello che c’è da sapere sullo sconto d’imposta introdotto dal Dl “Rilancio” per specifici interventi antisismici e di efficienza energetica, sono online le domande più frequenti sull’argomento con le relative risposte.

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Split payment e reverse charge rientrano nella soglia del 10 per cento

Nel calcolo della soglia del 10 per cento dell’ammontare dei ricavi o compensi, tra i versamenti, deve essere considerata l’Iva relativa alle operazioni rese dalle imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici alla Pa, obbligata allo split payment, e anche l’Iva assolta dal committente in regime di inversione contabile.

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Tax credit per beni strumentali, via libera al Comune senza Ires

Anche se fuori dal perimetro Ires, il Comune, nella sua attività di produzione e distribuzione di energia elettrica, può beneficiare del nuovo credito di imposta sugli investimenti in beni strumentali nuovi, istituito dalla legge di bilancio per il 2020 in sostituzione delle precedenti agevolazioni dell’iper e super ammortamento.

torna all'inizio del contenuto