Attualità

18 Maggio 2020

Assistenza telefonica catastale: si amplia il raggio di risposta

In forza dell’efficiente andamento del contact center attualmente gestito dal Polo catastale telefonico sperimentale di Bari, che al momento soddisfa una media di circa 50 telefonate al giorno, l’Agenzia delle entrate allarga il perimetro di azione del servizio di assistenza telefonica in materia catastale alle chiamate in arrivo anche dalla Campania, dal Lazio, dal Piemonte e dalla provincia autonoma di Trento. Il servizio, accessibile selezionando una specifica opzione del numero verde 800.90.96.96, coprirà, quindi, la quasi totalità del territorio nazionale, con la sola esclusione delle telefonate in arrivo dai distretti telefonici della provincia autonoma di Bolzano e della Valle d’Aosta. L’estensione della territorialità del servizio sarà gestibile dall’ufficio, ritengono i tecnici dell’Agenzia, e non determinerà code telefoniche.

L’ampliamento del raggio d’azione del servizio avviene anche in osservanza delle più recenti direttive dell’Agenzia delle entrate, in ambito di contrasto all’epidemia da Covid-19, secondo le quali l’assistenza telefonica rientra nei servizi indifferibili “non di presenza”. Gli operatori del Polo Telefonico di Bari, inoltre, dispongono delle utenze STB che permettono  il collegamento alla barra telefonica.

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13 con esclusione delle festività nazionali.

Con l’occasione ricordiamo che per richiedere assistenza telefonica e informazioni fiscali di carattere generale, sui rimborsi e su cartelle e comunicazioni di irregolarità e sui servizi telematici, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 17 e il sabato dalle 9 alle 13 (con esclusione delle festività nazionali), è possibile contattare gli operatori dell’Agenzia al 800.90.96.96 (da telefono fisso), numero verde gratuito, al 0696668907 (da cellulare), con costo della chiamata variabile in base al piano tariffario applicato dal proprio gestore e al 0039.06.96668933, per chiamate dall’estero (il costo è a carico del chiamante).
E’ possibile prenotare una richiamata per essere ricontattati nella giornata e nella fascia oraria scelta.
Inoltre, telefonando al numero 800.90.96.96 è possibile accedere al servizio di risposta automatica per informazioni sulle modalità di richiesta del codice Pin, sulla verifica delle partite Iva comunitarie e sull’Ufficio territoriale di appartenenza e infine prenotare un appuntamento presso un ufficio territoriale.

Si possono anche richiedere semplici informazioni fiscali e riceverle sul cellulare inviando un sms al numero 339.9942645.

Condividi su:
Assistenza telefonica catastale: si amplia il raggio di risposta

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Bollo, esente il cedolino recapitato all’ex consigliere

I prospetti relativi agli assegni vitalizi percepiti dai consiglieri o ex consiglieri regionali rientrano tra gli atti esenti dall’imposta di bollo in modo assoluto, in quanto hanno la funzione di quietanza delle somme erogate, oltre che indicare l’imponibile lordo, le trattenute e l’importo netto da liquidare, accreditato al beneficiario, tramite il tesoriere del Consiglio regionale.

Attualità 18 Giugno 2021

Province e città metropolitane, attiva la procedura di invio delle delibere

Dal 16 giugno 2021 è stato attivato nel Portale del federalismo fiscale il servizio “Gestione tributi provinciali”, finalizzato alla trasmissione da parte delle province e città metropolitane delle delibere regolamentari e tariffarie in materia tributaria, affinché il ministero dell’Economia e delle Finanze proceda alla relativa pubblicazione sul sito internet.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Navi da crociera in rada, rifornimento senza accise

Niente accise sui rifornimenti di prodotti energetici utilizzati come carburanti dalle navi da crociera ferme per le misure adottate a contrasto della pandemia, fino alla cessazione dello stato di emergenza.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Test Covid-19, salta l’invio al Sts per il laboratorio non autorizzato

La struttura non autorizzata dalla Regione all’erogazione di prestazioni sanitarie nei confronti delle persone e chiamata in aiuto dall’ente territoriale soltanto a causa della pandemia per accelerare lo svolgimento di test diagnostici per la ricerca del virus Sars-CoV-2, non è tenuta a trasmettere i dati relativi alla spesa sostenuta dai pazienti al Sistema tessera sanitaria ai fini della precompilata.

torna all'inizio del contenuto