Attualità

18 Maggio 2020

Assistenza telefonica catastale: si amplia il raggio di risposta

In forza dell’efficiente andamento del contact center attualmente gestito dal Polo catastale telefonico sperimentale di Bari, che al momento soddisfa una media di circa 50 telefonate al giorno, l’Agenzia delle entrate allarga il perimetro di azione del servizio di assistenza telefonica in materia catastale alle chiamate in arrivo anche dalla Campania, dal Lazio, dal Piemonte e dalla provincia autonoma di Trento. Il servizio, accessibile selezionando una specifica opzione del numero verde 800.90.96.96, coprirà, quindi, la quasi totalità del territorio nazionale, con la sola esclusione delle telefonate in arrivo dai distretti telefonici della provincia autonoma di Bolzano e della Valle d’Aosta. L’estensione della territorialità del servizio sarà gestibile dall’ufficio, ritengono i tecnici dell’Agenzia, e non determinerà code telefoniche.

L’ampliamento del raggio d’azione del servizio avviene anche in osservanza delle più recenti direttive dell’Agenzia delle entrate, in ambito di contrasto all’epidemia da Covid-19, secondo le quali l’assistenza telefonica rientra nei servizi indifferibili “non di presenza”. Gli operatori del Polo Telefonico di Bari, inoltre, dispongono delle utenze STB che permettono  il collegamento alla barra telefonica.

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13 con esclusione delle festività nazionali.

Con l’occasione ricordiamo che per richiedere assistenza telefonica e informazioni fiscali di carattere generale, sui rimborsi e su cartelle e comunicazioni di irregolarità e sui servizi telematici, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 17 e il sabato dalle 9 alle 13 (con esclusione delle festività nazionali), è possibile contattare gli operatori dell’Agenzia al 800.90.96.96 (da telefono fisso), numero verde gratuito, al 0696668907 (da cellulare), con costo della chiamata variabile in base al piano tariffario applicato dal proprio gestore e al 0039.06.96668933, per chiamate dall’estero (il costo è a carico del chiamante).
E’ possibile prenotare una richiamata per essere ricontattati nella giornata e nella fascia oraria scelta.
Inoltre, telefonando al numero 800.90.96.96 è possibile accedere al servizio di risposta automatica per informazioni sulle modalità di richiesta del codice Pin, sulla verifica delle partite Iva comunitarie e sull’Ufficio territoriale di appartenenza e infine prenotare un appuntamento presso un ufficio territoriale.

Si possono anche richiedere semplici informazioni fiscali e riceverle sul cellulare inviando un sms al numero 339.9942645.

Condividi su:
Assistenza telefonica catastale: si amplia il raggio di risposta

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Gennaio 2021

Dal 2021 Tefa e Tari si separano e nascono nuovi codici tributo

Istituiti nuovi codici tributo, da utilizzare tramite F24 e F24Ep, per il versamento del “Tefa”, il tributo sulla tutela ambientale che, a partire dal 2021, dovrà essere versato distintamente dalla Tari.

Normativa e prassi 18 Gennaio 2021

Uso parziale bonus “prima casa”, l’agevolazione non è riutilizzabile

Nel caso in cui il redito d’imposta “prima casa” venga speso soltanto in parte per il pagamento del Registro dovuto per l’atto in cui il credito è maturato, l’importo residuo potrà essere speso in diminuzione dall’Irpef o in compensazione delle somme dovute, ma non in diminuzione delle imposte di registro, ipo-catastale, sulle successioni e donazioni, per gli atti presentati dopo l’acquisizione del credito, per le quali il credito deve essere utilizzato integralmente.

Normativa e prassi 18 Gennaio 2021

Riqualificazione energetica di edificio, non si tratta di intervento trainato

Il lavoro di riqualificazione energetica globale di un fabbricato non potrà fruire del Superbonus trattandosi di un intervento a se stante, inteso come un unicum, e non “trainato”, come prospettato dall’istante.

Normativa e prassi 18 Gennaio 2021

Sì al regime speciale “impatriati” se al distacco segue una nuova attività

Per usufruire del regime speciale impatriati, la nuova attività aziendale del lavoratore distaccato che rientra in Italia non deve porsi in continuità rispetto al rapporto ante-trasferimento all’estero, ossia le condizioni del nuovo contratto, quali prestazione di lavoro, termine e retribuzione, devono richiedere un nuovo rapporto obbligatorio in sostituzione del precedente, con nuove e autonome situazioni giuridiche e mutamento sostanziale dell’oggetto della prestazione e del titolo del rapporto.

torna all'inizio del contenuto