Attualità

29 Aprile 2021

Modifiche al bollo sulle e-fatture ultimo giorno venerdì 30 aprile

Operativa la nuova procedura per il corretto assolvimento del bollo sulle fatture elettroniche. Entro venerdì 30 aprile si potranno apportare le variazioni all’elenco B elaborato dalle Entrate contenente le fatture del primo trimestre 2021 che devono scontare l’imposta.
Secondo la nuova disciplina, a partire dal 2021 l’Agenzia provvede trimestralmente alla verifica delle fatture elettroniche emesse dai soggetti Iva, mettendo i dati relativi all’imposta di bollo dovuta a disposizione di contribuenti e intermediari, che potranno così accettare o modificare quanto predisposto nell’elenco B.
Le modifiche devono essere effettuate entro l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre di riferimento, quindi, con riferimento al 1° trimestre 2021 entro il 30 aprile (solo per il secondo trimestre, il termine del 31 luglio slitta al 10 settembre). Una volta che gli elenchi saranno definitivi l’Agenzia provvederà a calcolare l’imposta di bollo dovuta dal contribuente, evidenziando l’importo nel cassetto fiscale.  
Nel dettaglio, come indicato nell’articolo 12-novies del Dl n. 34/2019, l’Agenzia mette a disposizione dei contribuenti e dei loro intermediari delegati, all’interno del portale “Fatture e corrispettivi”, i dati relativi all’imposta di bollo emergente dalle fatture elettroniche trasmesse al Sdi integrati con i dati delle fatture elettroniche che non recano l’indicazione dell’assolvimento dell’imposta di bollo, ma per le quali l’imposta risulta dovuta.
A seguito di tale attività, quindi, le fatture sono classificate in due elenchi:

  • l’elenco A (non modificabile) contenente le fatture elettroniche emesse verso privati e Pa correttamente assoggettate a bollo
  • l’elenco B, modificabile a differenza del primo, con le fatture elettroniche emesse verso privati e Pa che avrebbero dovuto scontare il bollo ma per le quali non risulta alcun assolvimento

Entrambi gli elenchi possono essere consultati all’interno del portale “Fatture e Corrispettivi”, ed eventualmente modificati, entro il 15 del mese successivo al trimestre (ad esempio per il 1° trimestre 2021 entro il 15 aprile 2021). Il contribuente può verificare e apportare le modifiche alle fatture che, ad esempio, non dovevano scontare il bollo o aggiungere quelle che non figurano nell’apposito elenco. Al contrario, in caso di accettazione dell’elenco B così come si presenta, il contribuente non deve effettuare alcuna operazione
Potrà accedere ai documenti, ed eseguire modifiche o integrazioni, anche l’intermediario con delega al servizio “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici” o di “Consultazione dei dati rilevanti ai fini Iva”.
È prevista la modifica in modalità puntuale (operando direttamente sulla tabella contenente gli estremi delle fatture) all’interno del portale “Fatture e corrispettivi” o in modalità massiva, scaricando dallo stesso portale il file contenente l’elenco B e, dopo la modifica dei dati, effettuando l’upload del file rettificato.

Per un quadro completo della nuova procedura relativa all’imposta di bollo sulle e-fatture, è disponibile la Guida “L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche”, nell’apposita sezione del sito dell’Agenzia e il contributo “Imposta di bollo sulle e-fatture, una guida al corretto adempimento” pubblicato su questa rivista.
Si ricorda, inoltre, il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 4 febbraio 2021 con le regole operative  sul funzionamento della nuova procedura (vedi articolo “Imposta di bollo sulle e-fatture, il nuovo servizio per gli operatori”).

Condividi su:
Modifiche al bollo sulle e-fatture ultimo giorno venerdì 30 aprile

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

La fattura elettronica tardiva non preclude il regime premiale

Il beneficio che prevede la riduzione di un anno del termine ordinario di accertamento per coloro che applicano il regime forfetario, subordinato al fatturato costituito esclusivamente da fatture elettroniche emesse tramite Sdi, non è perso per il professionista che  per errore ha emesso una fattura cartacea sanando la dimenticanza predisponendo il documento elettronico oltre i dodici giorni previsti dall’articolo 21, comma 4 del Decreto Iva.

torna all'inizio del contenuto